MOTTA SANTO STEFANO (Santo Stefano Quisquina – Agrigento)

E’ ubicato sul monte Castelluzzo (da Agrigento, strada statale 189 per Palermo; uscita Cammarata per Santo Stefano Quisquina; prima dell’abitato, strada comunale per monte Castelluzzo),  nel comune di Santo Stefano Quisquina.

La cittàdi Santo Stefano ha essenzialmente un posto con il distrettodi Motta diLivenza, nelterritoriodiTreviso, Area Veneto. La cittàdi è 276 chilometrididistanzadallacittà simile di Motta diLivenza a dove è situato. Continua a leggere questo per scoprireche l’area di Santo Stefano sale a circa 8 metrisopra il livellodell’oceano.

Cronologia delle principali fasi storico-costruttive:
XIV (prima meta) ? – fondazione del castello.
Notizie storiche:
1170 – chiesa – White 1984, p. 425, doc. XXXI.
1240 ca. – casale e chiesa – Collura 1961, p. 64, doc. 27.
1320 – casale – Bresc, D’Angelo 1972, p. 401.
1320 – Giovanni Caltagirone e titolare di Santo Stefano – Tirrito 1873, p. VIII.
1355 ca. – la terra Sancti Stephani cum castro e annoverata tra le terre feudali – Librino 1928, p. 209.
1371 – la famiglia Sinisio č titolare di Santo Stefano – Barberi, Magnum Capibrevium, pp. 469-470.
1374 – Manfredi III Chiaramonte e possessore di Santo Stefano – Glénisson 1948, p. 246.
1375 – casale in quo reperte fuerunt domus coperte palearum, habiles ad solvendum, LXVII – ivi, p. 257.
1402 – loco Sancti Stephani – ASP A, Regia Cancelleria, reg. 39, c. 244v. (Maurici 1993, p. 68).
1433 – si autorizza lo spostamento del casale in un luogo migliore e piu difendibile detto castilluzzo – ACA, Cancilleria 2821, c. 311r-v. (Maurici 1993, p. 68).
1500 – terra sive casale Motte Sancti Stephani – Barberi, Magnum Capibrevium, p. 465.
I resti fuori terra visibili consentono una lettura ricostruttiva parziale dell’impianto, torre quadrangolare e cinta perimetrale.
L’identificazione topografica della Motta Santo Stefano č stata facilitata dal documento del 1433 che prevedeva lo sposta­mento del casale in un luogo piu difendibile, presso un castello chiamato castilluzzo.
Una ricognizione sulla vetta del mon­te Castelluzzo, situato a pochi chilometri da Santo Stefano di Quisquina, ha permesso di ubicarvi il castello trecentesco.
Questo monte (1.011 ml), situato in una zona gia boscosa, presenta pareti molto ripide con un solo versante di accesso.
La salita, piuttosto lunga e faticosa, soprattutto nella parte finale, e resa ancora piu difficile dalla violenza dei venti che soffiano quasi in continuazione.
La stretta piattaforma sommitale del monte č occupata dalle vestigia di una torre quadrangolare e di un muro di cinta.
Della torre rimane solo qualche allineamento di pietre, mentre la cinta, meglio conservata, percorre ancora una lunghezza di ca. 11 m, ai limiti del dirupo.
I muri hanno uno spessore medio di 0,75 m e sono costruiti in pietre grossolanamente sbozzate e spianate nella loro superficie a vista e legate con abbondante malta. Non ci sono tracce dell’abitato.
Lo stato di conservazione delle strutture, in disfacimento totale, non permette di approfondire la descrizione.
Proprieta attuale: pubblica (Demanio forestale).
Vedi anche…

Advertisement

Comments are closed.