CASTELLO DI ALTAVILLA (Melilli)

Il castello di Altavilla è da localizzarsi in Val di Noto, nel comune di Melilli in provincia di Siracusa.
Il castello, attestato dal 1374, subì distruzioni per i terremoti del 1542 e, soprattutto, del 1693.
Dal Glénisson (1948) si apprende che nel 1374-75 – sono attestati il castrum Alteville et casale Melilli con 45 fuochi solvibili.
Nel 1417 re Alfonso V concede Augusta, nel cui territorio era compresa Melilli a Diego Gomez Sandoval.
Nel 1445 Pietro Busuldano, conservatore generale del regno, rivendica al demanio i territori di Augusta e Melilli; Ferdinando il Cattolico li vendette a Guglielmo Raimondo Moncada.
Nel 1535 Salvatore Mastrantonio s’investe della baronia, terra e castello di Melilli con il mero e misto imperio, per rivendita fatta loro da Blasco Branciforte.
Nel 1539 Giuseppe Mastrantonio il 7 gennaio s’investe della baronia e terra di Melilli per la morte del padre Salvatore.
Nel 1540 Antonio Cuvello s’investe il 6 marzo della baronia e terra di Melilli.
Nel 1568 Cesare Moncada Pignatelli s’investe della baronia, terra e castello di Melilli il 5 novembre 1568 per averli aquistati dal suddetto Covello.
Nel 1644 Aloisio Moncada acquista l’8 marzo 1644 la baronia, terra e castello di Melilli da Sebastiano Tristaino.
Ed infine nel 1673 Ferdinando Moncada s’investe della baronia, terra e castello di Melilli il 24 aprile 1673.
Il castello sorgeva nel pianoro soprastante il paese di Melilli, in località che ancor oggi è denominata ‘Castello’ e fu sconquassato dal terremoto del 1542 e distrutto da quello del 1693.

La separazionedei re è stata la ragioneprincipale per molteattivitàinattese in corsointorno al popolovivente. I sostenitori per le due partiavevanoiniziato a litigare con l’altro per ilcastellostraordinario e questosemprefinito con mille perdite.

Se voletesaperne di piùsullastoria del castello e dei re, fare unarapidaricercasu Google e guarda re più informazioni.

Vi era inoltre una torre, munita di artiglieria e ben capace, posta sotto il castello a difesa immediata del paese, precisamente nell’altipiano che tramanda il nome, attualmente incorporato nell’abitato tra la casa feudale dei Moncada e Cugno dei Cappuccini. (Rizzo, Storia 1990).
Secondo l’Amico la fortezza sorgeva un tempo “… nella parte suprema, componevasi tutta di pietra quadre e talmente tra se ben combaciate da sembrare quasi una mole intera”.
Da una lettera del 1740 del notaio Bartolomeo Albani indirizzata al monaco don Giacinto, apprendiamo, che la torre antica venne ricostruita, denominata ‘nuova’ e portava sopra la porta uno stemma. “…. Spero in questa settimana di impegnarmi a fare diligente lavoro per copiar sopra luogo lo stemma che trovasi sulla porticella …”.

Castello di Curcuraci Visto: 812
Voti: 1  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI CURCURACI (Melilli – Siracusa)

Ubicazione: contrada Curcuraggi, m 152 s.l.m, km. 3 a sud-est di Villasmundo (frazione di Melilli) e a km 7,5 dalla costa (porto megarese). Vi si perviene mediante la strada statale 114, Catania – Siracusa, fermandosi al km 143, ad est del quale e la masseria Curcuraggi.
Localizzazione storica: Val di Noto.
Cronologia delle principali fasi storico-costruttive: non precisabile; è ipotizzabile una fondazione trecentesca.
Notizie storiche:
1354 – 1359 – il castrum di Curcuraci è ricordato da Michele da Piazza – Michele da Piazza, pp. 218, 361.
XVI (metà) – è menzionato da Fazello che ne ricorda la distruzione per volere di Federico IV – Fazello, I, III, IV p. 199.
XVIII – Amico 1855-56 (I, p. 365) cita Fazello ma esprime dubbi sul fatto che il castello sia effettivamente scomparso al tempo di Federico IV.
Proprietà attuale: privata.
Uso attuale: azienda agricola.
Stato di consistenza: attestazione documentaria e resti inglobati in strutture successive.
Impianto planimetrico: non accertabile.
Rapporti ambientali: sorgeva sull’importantissima arteria Catania-Siracusa e non distante dal porto di Megara.
Descrizione: il fortilizio medievale fu inglobato in costruzioni posteriori trasformate poi in una moderna masseria, per cui non e più riconoscibile alcun elemento architettonico originario.

 

 

Vedi anche…
[no related categories]