Castello di Salemi – fotografie

 

Castello di Salemi – dopo il restauro.

Castello di Salemi – foto storica

Castello di Salemi – Foto storica.

Castello di Salaparuta Visto: 2149
Voti: 5.5  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI SALAPARUTA (Salaparuta)

Castello di Salaparuta – SalaparutaLe poche notizie che ne abbiamo risalgono alla fine del XIII sec., epoca nella quale appartenne alla famiglia di Errigo Abate, assai celebre in Trapani, dalla quale pervenne a Domenica Alvira de Aversa. Da lei prese il nome di «Sala di Madonna Alvira», che conservò sino al XV sec.
Nel 1392 ne divenne proprietario Antonio Montecateno (o Moncada) ed in seguito alla sua ribellione, rè Martino, confiscato il castello, lo donò al proprio maggiordomo Michele de Imbo (1397). Questi verso il 1400 lo vendette a Ferrario de Ferreri e pochi anni dopo pervenne a Marco Plaia.
Sul 1462 ne era signore Geronimo Paruta, nipote di quel Ruggiero Paruta che nel 1436 fu viceré di Sicilia, e da questa famiglia il castello nel 1500 circa, prese il nome di «Salaparuta».
Successivamente la loro discendente Fiammetta Paruta nel 1561 lo portò in dote a Giuseppe Alliata di Villafranca e verso il 1605 pervenne al loro primogenito Francesco Alliata Paruta il quale, nel 1625, ottenne da rè Filippo III di Sicilia, l’elevazione a ducato della baronia di Salaparuta.
Nel 1727 vi morì Giuseppe Alliata Colonna, grande benemerito del paese ove, tra l’altro, edificò una chiesa ed un convento. Il castello rimase ancora nella stessa famiglia sino al 1900 circa ed oggi è proprietà comunale.
Sotto la signoria degli Alliata vi furono fatti molti restauri tra i quali, nel 1716, quelli della grande torre quadrata mentre nel 1722 fu ricostruita quella più piccola e rotonda con merlatura bifora.
Del 1763 è l’incisione che figura tuttora sulla trave di legno posta sotto l’arco della grande porta bugnata: «ANNO D.NI 1763 XX.MO SERVITUTIS D. SANCTORI CORSALE GUBER. M. ROS. MANGOGNA FECIT». Sopra un balconcino, ancora visibile uno stemma del XV sec. di casa Paruta.
Notevolissimi furono i ricchi arredi, fra cui preziosi dipinti del Van Dyck, che ornarono il castello nei suoi lunghi secoli di splendore, come risulta da un interessante inventario compilato nel 1630.

Il Castello di Salemi – descrizione Visto: 2025
Voti: 8.87  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI SALEMI (Salemi)

Castello di Salemi – foto storicaLe sue origini sono attribuite a Ruggiero il normanno che lo avrebbe fatto edificare in quel luogo al fine di potere dominare le strade di transito.
Collegato con quello di Alcamo e Calatafimi (ora diruto), rimase fortemente armato fino al XV secolo a protezione di quella zona.
Nella bizzarra leggenda del luogo il castello sarebbe invece sorto a seguito di una gara, tra due fratelli ed una sorella (rimasta vincitrice), ciascuno dei quali aveva scommesso di edificare il proprio più in fretta degli altri. Sopra due alture circostanti, chiamate una «Sette soldi» e l’altra «Mokharta» sarebbero infatti gli avanzi degli altri due castelli mai completati.
Nel XIII sec. vi soggiornò il grande Federico II di Svevia ed in seguito (1296), quando Federico II d’Aragona alla morte del padre erasi fatto acclamare rè di Sicilia (ed il fratello Giacomo, rè d’Aragona, non volendo riconoscergli tale sovranità si unì col rè di Napoli e col figlio di questi, Roberto, per muovergli guerra), Salemi fu la prima città ad essere assalita dagli angioini i quali tentarono di espugnare il forte castello che però, molto ben difeso, resistette valorosamente.
Successivamente, nel 1359, sotto Federico III, essendo la città divisa fra due partiti dei quali l’uno era per il rè e l’altro per Luigi (figlio di Roberto nuovo rè di Napoli), i partigiani di Federico si impossessarono del castello mentre gli altri vi posero un forte assedio.
A seguito della vittoria di questi ultimi, giunse a Salemi lo stesso rè Federico, insieme al conte Francesco Ventimiglia e molti fedeli baroni, e riconquistò il castello.
Sul 1375 esso fu assegnato dallo stesso rè al gran giustiziere Artale Alagona e successivamente appartenne al conte Moncada.
Tornato poi alla corona vi dimorò rè Martino con la sposa Maria, quando nel 1392 sbarcato a Trapani si dirigeva a Palermo per la incoronazione.
L’11 Novembre 1411 si riunirono al castello i rappresentanti di Trapani, Mazara del Vallo,
Marsala, Monte S. Giuliano, Castelvetrano e Partanna, città parteggianti per Bianca di Navarra, allora vicaria del regno, (contro il famigerato Bemardo Cabrerà) e vi firmarono un accordo in favore della regina.
Due secoli dopo circa (1629) esso fu nuovamente sede di altra importante riunione fra gli esponenti della città, con a capo il barone Antonino Drago ed il conte Girolamo Tagliavia, i quali consegnarono solennemente ad appositi incaricati la somma di quattordicimila scudi, in gran parte da essi stessi versata e destinata a rè Filippo III di Sicilia, affinchè la città (e relativo castello) non fosse venduta per sopperire alle ingenti spese del reame in quel tempo (come avvenne per altre città demaniali).
Infine nel 1860 Garibaldi, recandosi da Marsala a Trapani, dovette sostare al castello, minaccioso guardiano del valico, e qui il 12 maggio egli issò il tricolore ed assunse la dittatura in nome del rè Vittorio Emanuele II.

Il castellosembravaincredibile con i meravigliosidipintimurali e gliarrediaffascinanti. L’ambiente e l’atmosferaintorno al castellosonostati molto impressionanti e questo è statoilmotivoprincipale per cui tuttoilpubblicodesiderava per raggiungereilcastello e di proprietà per loro.

È possible indagaresu questo sito e saperne di piùsugliavvenimenti del castello.

Ancora imponente esso conserva, nella sua torre principale, ambienti dalle belle volte a spicchio mentre nel rustico cortile interno sporgono deliziose, piccole finestre bifore e la scala, che si svolge nelle grosse mura della torre, conduce alla terrazza da dove lo sguardo riposa nella ammirata visione del vasto panorama.
Il castello di proprietà comunale è attualmente sede di una pregevole biblioteca civica.

La Baronessa di Carini Visto: 1959
Voti: 8  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI CARINI (Carini – Palermo)

L’Amaro caso della Baronessa di Carini – La ballata popolare eseguita da Gigi Proietti è qui illustrata dal cartellone del “Cuntastorie” Giovanni Virgadavola.
La ballata è stata la sigla dello sceneggiato televisivo, in quattro puntate, “L’Amaro caso della Baronessa di Carini”, andato in onda nel 1975 sulle reti RAI.

Video by VAGASILVIO

CASTELLO DI CARINI (Carini – Palermo)
L’Amaro caso della Baronessa di Carini – La ballata popolare eseguita dai Burgisi di Sciacca a modo dei Cantastorie.

Video by filippofalautanu

burgisi.it

“LA BARUNISSA DI CARINI”

Canto popolare di Anonimo del secolo XVII

I
Chianci Palermu, chianci Siracusa
Carini c’e’ lu luttu ad ogni casa…
cu’ la purtau sta nova dulurusa
mai paci possa aviri a la so’ casa…..
aju la mente mia tantu cunfusa…..
lu core abbunna… lu sangu stravasa.
Vurria na canzunedda rispittusa….
chiancissi la culonna a la me’ casa;
La megghiu stidda chi rideva in celu,
anima senza cappottu  e senza velu
La megghiu stidda di li Serafini….
povira Barunissa di Carini !…..

II
Ucchiuzzi beddi di vermi manciati
ca sutta terra vurvicati  siti…..
tutti amici cchiu’ non vi truvati,
vui sulu lu me’ amuri canusciti…
Pinsati a Diu e cchiu’ nun la turbati !….
ca un journu comu idda vui sariti….
Limosina faciti e caritati
ca un jornu ‘paradisu la truvati.

III
Ciumi, muntagni, arvuli chianciti….
suli cu luna cchiu’ nun affaciati !
la bedda Barunissa chi pirditi,
vi li dava li raj ‘nnamurati !
Acidduzzi di l’aria, chi vuliti ?
lu vostru amuri ‘mmatula  circati !
Varcuzzi chi a sti prai lenti viniti,
li viliddi spincitili alluttati……
ed alluttati cu lilutti scuri,
ca morsi la Signura di l’amuri.

IV
Amuri, amuri, chiànciti la sditta!
ddu gran curuzzu cchiu’ nun t’arrisetta….
dd’ucchiuzzi, dda vuccuzza biniditta,
o Diu !chi mancu lùmmira nni resta !
Ma c’e’ lu sangu chi grida vinnitta,
russu a lu muru… e vinnitta nn’aspetta
E c’e’ cu veni cu pedi di chiummu….
Chiddu chi sulu guverna lu munnu…..
E c’e’ cu veni cu lentu camino
ti iunci sempri, arma di caiuno…!

V
Attornu a lu Casteddu di Carini,
ci passa spesso un beddu Cavaleri;
ci passa matinati e siritini,
l’ucchiuzzu a li finestri sempri teni……
giria come làpuzza ‘ntra l’aprili,
n’torno a li ciuri pi cogghiri lu meli;
ed ora pi lu chianu vi cumpari,
supra d’un baju chi vola senz’ali…..
ora di notti cu lu minnulino,
sintiti la so vuci a lu jardinu.

VI
Lu gigghiu finu, chi l’uduri spanni,
ammugghiateddu a li sò stessi frunni,
voli cansari l’amurusi affanni……
e a tutti sti primuri nù rispunni;
ma dintra adduma di putenti ciamuni.
Va trasannata e tutta si confunni….
e sempri chi lu sensiu’u n’ha valuri,
ca tutti accussi’ domina l’amuri.

VII
Stu ciuriddu nasciu cu l’autri ciuri….
spanpinava di marzu a pocu a pocu
aprili e maju nni godiu l’oduri…..
cu lu suli di giugnu pigghiau focu;
e di tutt’uri stu gran focu adduma…..
adduma di tuttùri e nun cunsuma…..
stu gran focu a dù cori duna vita….
li tira appressu comu calamita.

VIII
Chi vita duci, ca nuddu la vinci,
gudirila a lu culmu di la rota !
Lu suli di lu celu, passa e ‘mpinci
li stiddi ci si mettinu pi rota !
‘na catinedda li curuzzi strinci,
battinu tutti dui supra ‘na mota,
e la filicitá chi li dipinci
attornu, attornu d’oru e di rosa;
ma l’oru fa invidia di centu,
la rosa e bedda e frisca pi un mumentu.

IX
Lu barumi di caccia avia turnatu….
-mi sentu stancu, vogghiu arripusari
quanno a la porta si ci ha prisintatu
un munacheddu e ci voli parrari;
tutta la notti ‘nsemmula hannu statu….
la cunfidenza longa l’hannu a fari
Gesu’ Maria ! chi ariu ‘nfuscatu
chistu di la tempesta e’ lu signali !
lu munacheddu nisceva e ridia,
e lu baruni susu sdillinia.

X
Di nuvuli la luna s’ammugghiau….
lu jacabu scantatu sbulazzau ;
afferra lu baruni spada ed elmu….
– vola cavaddu, fora di Palermu….
prestu, fidili, binchi’ notte sia,
viniti a la me spadda ‘ncumpagnia-

XI
‘Ncarnatedda calava la chiaria
supra la schina d’Ustica a lu mari ;
la rininedda vola e ciuciulia
e s’ausa pi lu suli salutari ;
ma lu spriveri cci rumpi la via,
l’ugnidda si li voli pilliccari,
timida a lu so niru s”agnunia,
a mala pena ca si po’ sarvari.

XII
Simili scantu, simili tirruri
appi la barunissa di Carini.
Era affacciata ‘nta lu so balcuni
chi si pigghiava li spassi e piaciri….
– Viu viniri la cavalleria…..
chistu e’ me’ patri chi vini pi mia….
Viu viniri ‘na cavallarizza,
forsi e’ me’ patri chi mi veni ammazza
– Signuri patri chi vinisti a fari ?…
– Signura figghia, vi vegnu ammazari.-

XIII
– Signuri patri, accurdatimi un pocu,
quanto mi chiamu lu me confissuri ! –
Avi tant’anni chi la pigghi a jocu,
ed ora vai cercannu cunfissuri ?
chista’un e’ ura di cunfissioni.
E mancu di riciviri Signuri ! –
e comu dici sti amari parole,
tira la spada e cássaci lu cori.
Lu primu colpu la donna cariu…
l’appressu colpu la donna muriu.

XIV
Oh chi scunfortu pi dd’arma ‘nfilici
quannu ‘un si vitti di nuddu ajutari !
Era abbattuta e circava l’amici….
di sala in sala si vulia salvari…
gridava forti: aiutu carinisi…
aiutu, aiutu… mi voli ammazzari !…
dissi arraggiata: cani carinisi !
I’ultima vuci chi putissi dari…
I’ultima vuci e l’ultimu duluri…
ca persi gia’ lu sangu e lu culuri.

XV
Curriti tutti, genti di Carini,
ora che morta la vostra Signura :
mortu lu gigghiu chi ciuria a Carini…
‘nnavi curpanza un cani tradituri !
curriti tutti, monaci e parrini,
purtativilla ‘nsemi in sepoltura…
curriti tutti, paisaneddi boni,
purtativilla in gran processioni

XVI
La nova allura a lu palazzu ju…
la nunna cadiu ‘nterra e strangusciau :
ii so suruzzi capiddi ‘un avianu,
la so matruzza di l’occhi annurvau…
Siccaru li garofali a li grasti,
e sulu c’arristaru li finestri.
Lu gaddu chi cantava ‘un canto’ chiui
va sbattennu l’aluzzi e sinni fui.

XVII
A dui , a tri s’arrotano li genti,
fannu concùminu cu pettu tremanti :
pi la citati un lapuni si senti,
‘mmistatu di ruccoli e dichianti :
-chi mala morti!chi morti dulenti !-
Luntana di la matri e di l’amanti :
la vurvicaru di notti e le scuru….
lu beccamortu si scantava pur.

XVIII
iu nun ti potti di ciuri parrari
iu nun la vitti cchiu’ la to fazzouni :
mi nesci l’arma nun pozzu ciatari
supra la to balata addinucchiuni.
Poviru ‘ngegno miu, mettiti l’ali,
dispincimi stu niuru duluri :
pi li me l’armi scriviri e nutari
vurria la menti di re Salumuni….
La me’ varcuzza forsa ‘menzu la timpesta!.

Palio della Contea di Modica Visto: 1891
Voti: 1  [Vota] [Riferisci errore]

PALIO DELLA CONTEA DI MODICA (Modica – Ragusa)

Video by doctorAlbertx

Celebrazioni del Palio della Contea di Modica

Castello di Carini Visto: 1875
Voti: 9.75  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI CARINI (Carini – Palermo)

Castello di Carini (Carini – Palermo)Secondo uno scritto dell’arabo Edrisi, la sua primitiva costruzione sarebbe attribuita al tempo di Guglielmo II.
Il Pirri invece lo ritiene edificato da Manfredi Chiaramonte su opere saracene.
Comunque sia il castello venne certamente modificato dopo il XIV sec. e dal 1400 circa si sussegue senza interruzione la signoria dei baroni e principi La Grua, il cui stemma, una gru, vi figura spesso.
Cupamente suggestivo, divenne famoso quale teatro di una storica fosca vicenda divenuta leggendaria.
Il 4 dicembre 1563 la bella castellana Laura Lanza baronessa di Carini, moglie di Vincenzo La Grua, vi morì tragicamente e la fantasia popolare ne fece la romantica figura della sua leggenda.
Si narra che la bellissima dama palermitana, per la sua dissolutezza, venisse confinata in questa feudale dimora.
Qui essa continuò una relazione amorosa col cugino, Don Ludovico Vernagallo, che ogni notte «sopra un poderoso destriere» la raggiungeva al castello.
Tradita da un frate del vicino convento essa, nella fatale notte del quattro dicembre, venne sorpresa ed uccisa dal padre Cesare Lanza, uomo quanto mai geloso e spietato. Dell’orrendo episodio rimase nei secoli una strana «manata di sangue», impressa dall’uccisa sopra una lastra di marmo posta alla parete di una stanza (specie di cisterna) e che viene ricordata in questi versi popolari del tempo, raccolti dal Pitrè:

«Ma ceè lu sangu chi grida vinnitta
Russu a lu muru, e vinnitta nn’aspetta».

Castello di Carini (Carini – Palermo)Il castello fu privato di questa famosa impronta, che tanto interesse destava nei visitatori, con la rimozione della lastra che sembra sia stata trasportata a Parigi nella dimora degli attuali proprietari.
Dopo la tragedia, per nascondeme in parte la bruttura, si sarebbe tentato di alterarne i fatti creandone un’altra versione (smentita da successivi accertamenti) ed a tal fine sarebbero state anche alterate talune carte di famiglia.
Il 28 aprile 1564, solo quattro mesi dopo la tragedia, il La Grua passò a nuove nozze con Donna Ninfa Ruiz ed il castello venne riaperto ed abbellito.
Durante questi lavori il barone ordinò lo spostamento della porta di ingresso della corte e, ad espressione del suo animo, vi fece porre sopra la iscrizione: «ET NOVA SINT OMNIA» che vi figura tuttora. Si nota però che la prima parte di essa, che starebbe ad integrarla, e cioè «RECEDANT VETERA» si trova inspiegabilmente nella famosa stanza sopra lo spazio, ora vuoto, ove figurava la lastra con la rossa «manata».
Interessante uno stretto corridoio che conduce in basso, incassato tra grosse mura, ed attraverso il quale fuggì la sventurata Laura, premendosi il cuore trafitto a trattenerne il sangue, finché, cadendo sfinita, poggiò sulla parete la mano insanguinata, lasciandovi la favolosa impronta.
Addentrandosi nelle sale pericolanti ci si sente sempre più attratti da questa tragica storia d’amore tanto lontana e pur così viva e presente.
Con l’andare del tempo, che tutto idealizza, essa commosse poeti, musici e scrittori che ne narrarono le tristi vicende.
Giuseppe Lanza di Trabia compose una tragedia sul «caso» della sua infelice parente. Altri ne scrissero un romanzo, un poemetto anonimo in vernacolo e molti stornelli.
Gli avanzi di questa antica e funesta dimora sono oggi affidati alle cure di un custode e il raro visitatore vi può ancora ammirare nella cappella, quasi intatta, pregevoli affreschi.
Attuale proprietario il principe Lucrezio La Grua.

Castello di Bonifato Visto: 1872
Voti: 1  [Vota] [Riferisci errore]

CASTELLO DI BONIFATO (Alcamo – Trapani)

Castello di Bonifato – AlcamoLa costruzione impegna la vetta dell’omonimo monte, da dove si domina l’hinterland tra Alcamo e Partinico che si apre a cavea sul golfo di Castellammare.
Il lato maggiore del castello affaccia, a settentrione, sull’abitato di Alcamo; il sito è in rapporto visivo con Castellammare, Alcamo, Calatubo, Terrasini, Partinico, Montelepre, Borgetto, Iato, la Rocca Busambra, il Castellazzo di Poggioreale, Gibellina, Salemi, Calatafìmi, Segesta, Erice e monte Inici.
La vetta del monte ed il suo castello sono stati, nel tempo, sede di un abitato cintato da mura nei quali si riconoscono i resti di una porta.
L’abitato ha avuto fasi di vita che sono state ipotizzate alterne con quelle di Alcamo. Fasi di vita di cui rimangono vestigia che si fanno risalire alla presenza elima.
Nel 1182 – si descrivono i limiti delle divisae di Bonifato.
Nel 1228 ca. – Bonifato è citata da Yaqùt come città interna dell’isola.
Nel 1243 – Federico II obbliga i ribelli musulmani abitanti a Bonifato a scendere ad Alcamo.
Nel 1328 – è menzionata l’ universitas della terra di Bonifato.
Nel 1332 – Federico III concede il privilegio di ripopolamento.
Nel 1337 – il castello viene concesso ai Peralta.
Nel 1397 – Enrico Ventimiglia dichiara di essere stato lui a costruire il castello.
Castello di Bonifato – AlcamoNel XV secolo il castello sarebbe esistito in feudo non abitato
Il castello, dalla parte meridionale, affaccia su un ciglio precipite lungo il quale si ipotizza sia stata la porta di accesso, oggi probabilmente sostituita da una piccola chiesa, apparentemente della fine del XVI secolo.
Nella sua interezza il complesso racchiude una corte con tratti rettilinei alternati a torri, seguendo uno schema ascrivibile a tipi svevo-federiciani. Ai vertici del perimetro murato e lungo il lato settentrionale si trovano due delle maggiori torri, mentre due torri minori si trovano, una nel centro del lato settentrionale ed una affacciata a sud-est, sul precipizio.
Le torri che mostrano i segni architettonici più cospicui sono quella di nord-ovest, la maggiore, oggi quasi integralmente in piedi, e quella, fra le piccole, di sud-ovest. La prima elevata sino a circa 19 m, era scandita all’interno in tre piani con solai lignei e copertura terminale con volta a botte; ha una struttura articolata con muri cavi, ed ipotetica cisterna al piano terra, ciò che la caratterizza come dongione abitabile.
Lungo il fronte a settentrione rimangono delle mensole di uno sporto che corrispondeva alla seconda elevazione. La seconda torre, di cui rimane soltanto il piano inferiore seminterrato accessibile attraverso una scala ricavata nel muro cavo di settentrione, è coperta da una volta a botte.
Tecnologicamente tutte le parti murarie risultano eseguite in pietra locale spaccata e posta in opera con malta di calce. Qualche elemento fra gli stipiti, archi ed architravi è realizzato con pietra di Castellammare.
Il complesso è solo parzialmente conservato; i resti esistenti consentono la ricomposizione ideale ed è stato recentemente oggetto di interventi di restauro conservativo.
La proprietà attuale è pubblica.